sabato 11 ottobre 2014

Appunti minimalisti al Primo Convegno italiano sulla Ghiandaia marina "un lampo turchese di interesse comunitario. Canale Monterano (RM) 20 settembre 2014

Un racconto per dirvi le cose che non si sono viste. Angelo Foto di F. Sottile GRAC Daniele arriva puntuale alle 6.20 e carichiamo il convegno sulla punto. Le braccia sono fuori dal finestrino e si apicciccano della resina dello scirocco. Poi arriviamo sbagliando la scuola per il teatro per la scuole e per il centro anziani. Viene Fabio (instancabile) con tre tirocinanti della riserva, due di loro diventano così indispensabili da sembrare il dono del giorno. L’altro credo debba essere un intellettuale della fiacca. Così il proiettore prende corrente e si incastra al computer e si sceglie il tavolo su cui i chairman dirigeranno il traffico delle idee raccontandone di carine. I fonici hanno meno di 25 anni ma alla fine uno mi ha detto. “oggi ho scoperto una cosa nuova, un animale bellissimo”. Pensi che la fatica possa ucciderti. Si registrano i partecipanti, Linda è carina e instancabile. Quando chiedi una cosa a un collaboratore, ti può dire di si sorridendo o controvoglia, Linda sorrideva in modo discreto ed elegante. Metto le penne sul tavolo o le lascio imboscate? Come Lì, le abbiamo portate per scrivere mica per farcene un bottinetto. Sorriso. Il gattino del teatro si inarca e fa le fusa a tutte. Pioviggina. C’è Barbara e tira su i tavoli per i libri in due minuti. Efficienza nel frastuono delle cose da fare. Ma le luci? No Fabio, una via di mezzo così c’è troppa luce e così poca, poi troviamo. Il sindaco ci sta da mò e ha un matrimonio, però sa aspettare. Francesco il dir. è contento e parla poco, ciò che dice è sempre carino. Yuri smonta i tavoli li rimonta poi guardiamo il cielo che piove ma gli diamo fiducia. Non pioverà e non ha piovuto, si mangia fuori? Dai si. Le macchine scaricano dal piazzale poi scendono al parcheggio, le pipe si sono dimenticate, poi tornano. Il foyeur si muove, oraci sono i bambu fricchettoni per i poster e le cose più barocche proviamo a spostarle per lasciar spazio al deflusso minimalista dei pensieri. Ma la carta per i bagni basterà? Dai si, diciamo di si, e i bagni si chiudono? Alcuni si alcuni no. Ok benissimo. Ma i chairman vedranno bene lo schermo? Ma si dai casomai allungano il collo un po’. Ma l’altro arriva? Su chiamalo. Si è per strada. Serve qualcuno che ha la voce grossa perché si inizia. Sandro ha la macchina incasinata ma ce la fa. Ci sono e ci siamo, non siamo tutti ma c’è qualcuno che amavo vedere e non lo attendevo. Abbraccio. Ora dei colleghi e amici non parlo. Tutti davvero gentili, seri, squisiti, serve un altro libro ancora da scrivere e qui non potrei. E’ il libro del convegno vero e proprio e chi c’era lo ha visto e lo ha sentito sulla pelle. Lo abbiamo vissuto ognuno in modo diverso ma sorridendo e noi c’eravamo Sono commosso e stanco a metà mattina e bisogna fare sera. E poi tornando era avanzato del pecorino e Daniele guida felicissimo (gli dovevo dei soldi ma non li vuole) mentre io mi spazzolo il semistagionato. Io, questo pezzetto di convegno volevo dirvelo.

lunedì 11 novembre 2013

CORACIAS 2013 Aggiornamento finale dei risultati

Con gli aggiornamenti finali riguardanti Lombardia, Marche e Sicilia presentiamo l'ultimo output che è davvero un punto di partenza eccellente per la prossima stagione riproduttiva. Non mancate di far giungere i Vostri suggerimenti e continuiamo a coinvolgere ornitologi, birder appassionati in questo grande e meraviglioso sforzo di conservazione. Se ognuno di noi trovasse un solo valido collaboratore al Progetto, riusciremo al meglio nel nostro compito. C' ancora un mare indaco da conoscere e da fare Grazie Angelo Meschini CORACIAS Coordinator

giovedì 24 ottobre 2013

CORACIAS I risultati del 2013

Si presentano i risultati del 2013 el Progetto CORACIAS. Saranno ancora implementati in modo significativo in una futura elaborazione. I risultati sono sodisfacenti. Grazie all'impegno di tutti il lavoro continua e quest'anno sono giunte al coordinamento finore 180 schede per più di 200 coppie censite ed elaborate in ambiente GIS per attribuire le categorie di conservazione presenti nella scheda. Il lavoro che ci aspetta è grande ed ogni risultato è l'inzio per un nuovo impegno di rilevamento per 2014 e per gli anni a venire.
Basta confrontare i risultati di questo anno con il 2011, quando arrivarono 89 sche valide per comprendere lo sforzo che stiamo facendo insieme per la conservazione della ghiandaia marina Coracias garrulus
Come vi dicevo avremmo presto upload e già da ora siete invitati a mandare una mail ad a.meschini@gmail.com per aderire al gruppo CORACIAS ed al Progetto di Conservazione per il 2014. Ringrazio di cuore tutti, in particolare Sarah Gregg e Carla Zucca per l'aiuto nella formulazione della scheda e per le elaorazioni tematiche. Il gruppo vuole sempre fare sentire di più la sua voce per la conservazione e si stanno approntando ricerche in Italia supportate da CORACIAS. Un altro modo per invitarvi e partecipare ad un volo indaco. A presto. Angelo Meschini CORACIAS Coordinator

sabato 6 luglio 2013

Un Portfolio dell'amico Michele Mendi

 L'amico Michele Mendi ci fornisce questo portfolio che eccelle sia per la qualità delle foto che per l'interesse dei comportamenti rappresentati. Un grazie e godiamoci queste chicche. Angelo Meschini - CORACIAS





mercoledì 15 maggio 2013

CORACIAS Inizio dei Rilevamenti 2013

Cari amici,

da oggi inizia formalmente la raccolta dati per il Progetto Coracias (secondo anno di rilevamento).

La ricerca ha come partner EBN ITALIA, ISPRA, LIPU BIRDLIFE INTERNATIONAL, CISO e voglio sottolineare che chi non fosse ancora nel gruppo CORACIAS può farlo da ora inviando una mail di risposta affermativa ed iniziando subito a rilevare (a.meschini@gmail.com). Un progetto su una specie va aiutato e curato e tenere i dati nei taccuini spesso è un esercizio poco utile. Invece l'unione fa la forza e se avete a cuore la conservazione di Coracias garrulus faremo un percorso insieme.

Lo sforzo di noi tutti potrà portare a definire meglio la distribuzione italiana della ghiandaia marina, le cause di minaccia, le proposte di conservazione su scala nazionale.

Vi linko al sito dedicato da cui scaricare schede ed istruzioni. La data di scadenza per la consegna delle schede è il 31 agosto, tuttavia quest'anno vorremo stimolare i rilevatori ad inviare le schede non appena prese sul campo per razionalizzare e semplificare i lavori del coordinamento. Questa quindi è una preghiera: quando avete preso i dati in maniera congrua prego spedire le schede senza attendere.

ecco il link

http://coracias.altervista.org/?sid=79bb8dbe7c32c11d120421c278a17c72

per la corretta georeferenziazione posto un altro link, che spero risulti semplice e chiaro.
http://coracias.blogspot.it/search?updated-min=2012-01-01T00:00:00-08:00&updated-max=2013-01-01T00:00:00-08:00&max-results=12

a questo riguardo è stato un dispiacere non poter integrare nel progetto schede con dati di georeferenziazione non convertibili, sia per gli scopi di CORACIAS, sia per lo sforzo fatto dai rilevatori che non si è concretizzato all'interno del progetto.

Si ricorda che si è a disposizione per chiarimenti.


Ringraziandovi e chiedendo a noi tutti un forte impegno vi saluto e un ciao e buon lavoro a tutti

Angelo



       Angelo Meschini
CORACIAS Coordinator

martedì 16 aprile 2013

Un caso di conservazione per Coracias garrulus andato a buon fine


Un successo nella conservazione della ghiandaia marina :)

In seguito alla presente lettera ed a una successiva verifica del CFS, i lavori sono stati bloccati sul nascere. Ora bisognerà ancora monitorare la situazione, tuttavia possiamo dire che è un successo che ci lascia felici e vigili. CORACIAS ha accompagnato l’iniziativa di Altura a cui va il merito insieme a numerosi naturalisti che si sono impegnati, tra cui Guido Prola in primis e partecipa al buon esito di una piccola grande battaglia di conservazione!!!.
Si riporta la lettera.




La lettera di Altura (Marco Panella, Fabio Borlenghi)

OGGETTO: Progetto di ampliamento impianto sportivo per motocross nella ZPS Comprensorio Tolfetano Cerite Manziate

La scrivente associazione informa che è in corso di realizzazione l’ampliamento del campo di motocross sito in località comprensorio Monti della Tolfa. Il terreno attualmente destinato all’attività sportivo motoristica è situato su una pendice collinare e il suo allargamento ne raddoppierebbe la superficie fino a raggiungere il crinale in prossimità di un antico casale.
Suddetto casale è uno dei pochi siti di nidificazione a Tolfa e nell’intera Regione Lazio della ghiandaia marina (Coracias garrulus), specie rara e protetta di interesse comunitario ai sensi della direttiva comunitaria 2009/1\47/CE concernente la conservazione degli uccelli selvatici che ama nidificare sui vecchi edifici.
L’intera area è ricompresa nella Zona di Protezione Speciale IT6030005 del Comprensorio Tolfetano Cerite Manziate (ZPS) istituita ai sensi del Decreto del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 19 giugno 2009.
Il settore di cui trattasi è interessato dalla presenza di molte specie d’interesse comunitario che hanno motivato l’istituzione della ZPS: oltre che la già citata ghiandaia marina frequentano l’area il biancone (Circaetus gallicus), il nibbio bruno (Milvus migrans), il nibbio reale (Milvus milvus), il pecchiaiolo (Pernis apivorus), il succiacapre (Caprimulgus europaeus), la calandra (Melanocorypha calandra), la calandrella (Calandrella brachydactyla), la tottavilla (Lullula arborea), il calandro (Anthus campestris), l’averla cenerina (Lanius minor), l’averla piccola (Lanius collurio) unitamente a molte altre specie migratrici.
La scrivente associazione evidenzia che l’ampliamento del campo di motocross per il conseguente aumento delle superfici occupate di suolo prativo seminaturale e per i disturbi soprattutto sonori derivanti dai motori e dall’aumentato afflusso di mezzi e persone, rappresenta una concreta minaccia per molte delle specie sopracitate e in particolare porterebbe la ghiandaia marina certamente all’abbandono del suo sito riproduttivo. Inoltre gli ingenti movimenti di terreno realizzati possono innescare fenomeni di erosione e dissesto sulla pendice.
Si chiede pertanto che le autorità in indirizzo verifichino, secondo le loro competenze, il rispetto di tutte le procedure autorizzative relative al progetto con particolare riferimento alla Valutazione d’Incidenza di cui al DPR 357/97 e al rispetto del vincolo idrogeologico e mettano in atto ogni possibile iniziativa al fine di prevenire iniziative da cui derivi una perdita del valore naturalistico del prezioso ambiente naturale dei Monti della Tolfa.
Distinti saluti.



Roma, 2 aprile 2013 Il Segretario
Fabio Borlenghi

martedì 15 gennaio 2013

Schede (siti) di Coracias garrulus in 2012 (primo anno di rilevamento) suddivise per regione.



Si presenta la mappa di ditribuzione delle schede (siti) giunti al coordinamento di CORACIAS per il 2012 (primo anno di rilevamento). La numosità totale è di 156 schede ed ognuna rappresenta una delle categorie di nidificazione: E= Eventuale, P=Probabile, C=Certa.
Per ogni scheda può essere associata una singola coppia o più coppie (semicolonialità), oltre ai parametri ambientali e conservazionistici immessi dai rilevatori.
Un successo, con evidenti margini di miglioramento, per una copertura che presenta alcuni deficit che cercheremo di colmare nei prossimi (almeno) due anni di progetto.

Un grande grazie a voi, sperando che il 2013 ci sia ancora più proficuo.

Angelo Meschini
CORACIAS Coordinator